loader

Domande frequenti sul tema: Provvedimenti disciplinari

09/06/2020

Domanda: Dove si trovano i regolamenti riguardanti i provvedimenti disciplinari e cosa contengono?

Risposta:
I provvedimenti disciplinari sono regolati dal contratto collettivo applicato. I corrispondenti articoli regolano i provvedimenti nel caso di un’infrazione del dipendente, esempio: in quali casi è necessario notificare una contestazione per iscritto, quali infrazioni comportano la sospensione dal lavoro nonché per quali casi di infrazione è previsto il licenziamento.
Se aveste bisogno di un relativo documento aggiornato bilingue, vi preghiamo di rivolgervi al vostro consulente delle paghe.


Domanda: È obbligatorio esporre il codice contenente i provvedimenti disciplinari nella bacheca aziendale?
Risposta:
L’articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori (legge 300/70) prevede l’obbligo di affiggere in un luogo accessibile a tutti i dipendenti e in modo permanente il codice delle norme disciplinari, le infrazioni alle quali le norme disciplinari possono essere applicate e le procedure di contestazione. La consegna del documento al dipendente non ha valore di pubblicazione.

Nel caso di più sedi produttive, il documento deve essere affisso in ciascuna di esse.


Domanda: Cosa succede, se i provvedimenti non fossero affissi in azienda?
Risposta
: In tal caso non sarà possibile procedere all’applicazione di una sanzione o di un provvedimento contro il dipendente. Questo vale anche, se le norme disciplinari fossero state consegnate al dipendente e questi ne avesse firmato una copia. L’avvio di un qualsiasi provvedimento disciplinare è, pertanto, possibile unicamente se le norme disciplinari sono state affisse in azienda rispettando i criteri sopra menzionati.


Domanda: È necessario avviare un provvedimento disciplinare per ogni infrazione?
Risposta:
L’applicazione della sanzione ad un’infrazione del dipendente comunicata per iscritto, deve essere valutata singolarmente per ogni caso e non sempre è sensata.
Tuttavia, solo nel caso di precedenti contestazioni per iscritto si potrà procedere con un eventuale licenziamento.


Domanda: È possibile redigere una contestazione in autonomia e inviarla al dipendente?
Risposta:
No, dovrete rivolgervi quanto prima al vostro consulente delle paghe. Questo vi farà avere la comunicazione con il riferimento normativo del relativo contratto collettivo applicato!
Il vostro consulente Vi informerà, inoltre, sui modi di notifica del documento di contestazione al dipendente e sulle altre date e modi di procedere previsti dalla norma (esempio: termine per sentire le difese del dipendente, ecc.).

News & Circolari
25/02/2021
Contributi Enasarco 2021 per gli agenti di commercio
Le aliquote contributive degli agenti di commercio sono rimaste invariate rispetto all’anno precedente. Nella ...
avanti
25/02/2021
Fatturazione elettronica - novità, Enasarco
Operazioni fuori campo IVA art. 7 – 7 septies DPR 633/72 Le operazioni fuori campo IVA secondo gli articoli 7 ...
avanti
17/02/2021
Domande frequenti sul tema: Rimborso spese
Domanda: Come possono essere rimborsate le spese sostenute dal dipendente in trasferta? Risposta: il rimborso ...
avanti
17/02/2021
Comunicazione rappresentante per la sicurezza presso l’Inail
In caso di nomina di un rappresentante per la sicurezza, il datore di lavoro deve obbligatoriamente ...
avanti
Via dei Campi della Rienza 30
39031 Brunico - BZ